domenica 29 marzo 2015

Domenica delle palme


Quando sono nata era una domenica delle palme...
Sono rimasta legata a questo giorno come se fosse un secondo compleanno, qualcosa di allegro da festeggiare.
Non vi nascondo che oggi ho una giornata piuttosto difficile, ma amo ricordare che dopo le palme arriva la Pasqua...

Con questi biscotti decorati vi presento un nuovo mix: cioccolato più ghiaccia reale. La decorazione a stencil è affiancata da un decoro completamente casuale, a più colori con due toni di questo colore che amo particolarmente.
I biscotti sono in pasta frolla senza glutine.



giovedì 26 marzo 2015

Tortine casuali di Pasqua


Che cos'è la casualità? Be', qui da me è ciò che dà origine a tutte le cose...
Per fortuna non mi succede quasi mai di fare qualcosa così, come era stato programmato, perché a me piace lasciare una porta sempre aperta per la fantasia: mi auguro sempre che entri e scompigli tutto... Qualcuno si arrabbierebbe, io mi diverto...
Così sono nate queste tortine.


Sono molto semplici, Chiffon ancora una volta perché mi piace davvero, cotte nei pirottini di carta per i panettoni minuscoli, sormontati da nidi di zucchero caramellato e piccole uova confettate.


Stavo facendo tutt'altro, cercando di accudire come bambini questi fiori e intrappolarne l'aroma in un velo di zucchero, per mangiarmi la primavera. 


Ho deciso di tuffare alcuni fiori nello zucchero bollente (25 gr di acqua per 100 gr di zucchero) e di passarne altri nell'albume e nello zucchero semolato di canna, per avere due versioni.
Ovviamente, siccome mi piace più pasticciare come una bambina che prendere la pasticceria seriamente, ho fatto caramellare dello zucchero, ma a casaccio, a 145° così, a sentimento.
Ne sono uscite delle piccole caramelle che conservano il gusto e il profumo dei fiori. Sono trasparenti e assomigliano in tutto e per tutto a piccoli pezzi di ambra, con il loro fiore intrappolato all'interno.
Per cristallizzare ho spennellato gli altri fiori con albume pastorizzato e li ho passati nello zucchero di canna. Poi li ho messi in forno ventilato a 60° per un'ora. Passando per il forno hanno fatto uscire tutto il loro profumo e il risultato è stato gradevole per gusto e olfatto.



Prendendo con una pinza i fiori dal pentolino con lo zucchero per porli ad asciugare sulla carta forno, ho lasciato fili di zucchero ovunque e mi è venuta voglia di raccoglierli, così, in un nido...


La struttura che ne è uscita fuori mi ha affascinato terribilmente... Sono riuscita a farne due. Ho provato a replicarla, non vi dico come ho conciato la cucina, c'era zucchero caramellato ovunque...



Non sono riuscita minimamente a fare qualcosa di carino per le altre tortine, che infatti hanno un nido completamente diverso dalle prime due, perché ciò che è frutto del caso è speciale e unico, anche se sembra uno sbaglio. A me piace sbagliare...
Vai con la fantasia... un'alternativa alla solita colomba.




-

domenica 22 marzo 2015

Anno più, anno meno


Ieri ho passato tutta la giornata a decorare una torta e... più decoravo, più mi rendevo conto che non mi apparteneva. Forse era la torta che tutti si aspettavano da una come me, ma la vera verità se la volete sapere è che non mi andava di festeggiare con una torta che non sentivo... così stamattina l'ho smontata e me la sono mangiata a colazione... eh eh.
Già... festeggiare... ci sono quelli che non possono neanche sentirsi fare gli auguri... poi c'è l'insieme di quelli che accettano gli auguri ma non festeggiano... A me il mio compleanno piace... non ho paura di festeggiare, non ho paura d'invecchiare. Ho un anno in più e me ne sento uno di meno, è una bella sensazione. Certo... la giornata poteva andare diversamente, ma sono estremamente felice e questo è il più bel regalo che abbia ricevuto, credo di potermi accontentare...
Semplicità quindi, anzi, l'estremo della semplicità per la mia torta di compleanno, sulla quale però si posano delle orchidee, il fiore più ricercato, più ambito, quello che lascia senza fiato quando lo guardi... Adoro le orchidee, ne coltivo una decina e ogni volta m'inchino alla loro fioritura, eccezionale e generosa quest'anno, piena di bellezza come non mai.


La base è una torta Chiffon senza glutine.
Le orchidee sono in pasta di cioccolato.
La glassatura è senza latte, cioccolato fondente con latte di mandorle, da provare, veramente buona.
Potete preparare in casa un latte di mandorle squisito con questa ricetta (è in assoluto il mio post più gettonato di sempre).
Per la glassatura:
3 gr di gelatina in fogli senza glutine
75 gr di latte di mandorle
150 gr di cioccolato fondente senza glutine

Ammollare la gelatina in acqua fredda.
Mettere il cioccolato a dadini in una ciotola, Scaldare il latte di mandorle in un pentolino, aggiungere la gelatina strizzata, mescolare finché non si è completamente sciolta, portare ad ebollizione e versare sul cioccolato, mescolando finché non si è completamente sciolto.
Glassare una prima volta, poi una seconda.






-

giovedì 12 marzo 2015

88 e non sentirli...


Mi hanno detto che ti ho fatto una torta da femmina, per cui scusami... Mi sono venute spontanee le viole del pensiero, perché sei il mio primo pensiero ogni mattina, poi sono completamente immersa nell'atmosfera primaverile e mi è venuta fuori così, al limite ci facciamo una risata...
Sta di fatto che anche se inganneresti chiunque hai 88 primavere. Vai ancora in moto, sei efficiente, lucido, hai una memoria da far spavento, sei sempre pronto ad imparare cose nuove, usi il computer molto meglio di me (che cosa imbarazzante), ma soprattutto sei mio papà: nonostante la mia età, sei sempre tu ad aiutarmi, sostenermi, incoraggiarmi. Non manchi mai di portarmi un mazzo di fiori ad ogni occasione e non faccio a tempo a dire che sono in difficoltà che mi stai già suonando la porta, sei il mio pilastro.
Auguri papà  :)

La base della torta è un Pan di Spagna senza glutine, fatto con:

3 uova intere
2 tuorli
80 gr di zucchero di canna
20 gr di miele
la scorza di 1/2 limone
1/2 bacca di vaniglia
40 gr di farina mix senza glutine
40 gr di maizena

Vedo molte ricette in cui si fa uso di lievito nel Pan di Spagna, ma come potete vedere se le uova sono ben montate anche utilizzando farine senza glutine si gonfia benissimo. Inoltre senza glutine il dolce rimane più soffice e leggero, migliore del tradizionale.


Per la glassatura:
4 gr di gelatina in fogli senza glutine
100 gr di panna fresca
200 gr di cioccolato bianco senza glutine

Ammollare la gelatina in acqua fredda.
Mettere il cioccolato a dadini in una ciotola, Scaldare la panna in un pentolino, aggiungere la gelatina strizzata, portare ad ebollizione e versare sul cioccolato, mescolando finché non si è completamente sciolto.
Glassare una prima volta, passare la torta in frigorifero 5 minuti, poi fare la seconda glassatura.


Per fare il numero ho messo sulla torta dei tagliabiscotti tondi a formare i due 8, li ho riempiti con glassa di colore contrastante, poi di nuovo con un po' di glassa naturale, lavorando con lo stecchino per avere un minimo disegno. Ho guarnito con violette candite e foglie in ghiaccia reale.


Le viole del pensiero sono in pasta di cioccolato.


E' una torta che è la primavera stessa... mi avvicino ad occhi chiusi e il profumo del cioccolato misto alle viole mi fa sorridere... primavera.




-

venerdì 6 marzo 2015

Quando il macaron si veste a festa...


E' uno dei dolci più consumati in casa mia il macaron... per quanti io ne faccia spesso non arrivo neanche a farcirli perché spariscono in un attimo... devo nasconderli! Però a noi piacciono molto anche così, senza farcitura, come se fossero semplici meringhe... Sappiamo bene che non lo sono, per via del paziente lavoro che richiede il successo della loro realizzazione... allora esageriamo pure, dedicandoci a decorazioni e farciture, visto che questi macarons sono da regalare...
Intanto questa è la ricetta dei macarons in foto (per circa 40 macarons):

75 gr di albumi (più o meno 2)
100 gr di zucchero di canna grezzo
100 gr di zucchero di canna a velo (potete farlo da voi utilizzando un tradizionale frullatore)
80 gr di farina di mandorle
20 gr di farina di cocco
Per il procedimento vi rimando a questo post del blog I dolci di Pinella.

Questo primo gruppo di macarons ha una farcitura semplicissima, direi estiva... composta di lamponi.
Ho spennellato i macarons con colla edibile per decorarli con zucchero colorato e una gemma edibile.



Ha molta voglia di primavera la farcitura di questi altri macarons, fatta di ganache di cioccolato bianco e violette candite frantumate (1 parte di panna bollente su 2 di cioccolato).
Decorazione in cioccolato bianco a più colori e violette candite anche in superficie.




Decisamente più invernale quest'ultimo gruppo di macarons. Ha una farcitura cioccolato e menta con ganache di cioccolato fondente (1 parte di panna bollente su 2 di cioccolato) alla quale ho aggiunto 2 caramelle fondant alla menta ogni 50 grammi di cioccolato.
Ho dipinto i macarons con colore in polvere diluito con acqua, usando un piccolo tampone in spugna e ho dato una leggerissima spolverata di cacao amaro.



Mi manca l'autunno... non posso mostrarvelo ma c'è, è rimasto un'idea. Ha toni di colore caldi di cioccolato bianco e confettura di castagne, decorato con una piccola foglia di vite americana... Anche se non esiste è come se lo avessi assaggiato... buonissimo.

-